m&m


Italiani popolo di… by mick78

Non parliamo più dei fatti di Rosarno? Non è passato nemmeno un mese.
Siamo tutti caduti dalle nuvole; tanti hanno accusato quei giovani uomini disperati di essere dei violenti, dei delinquenti, dei sobillatori.
Ma delle condizioni dei braccianti agricoli irregolari se ne era già parlato. C’erano stati servizi televisivi, inchieste, articoli. A metà dicembre si denunciava la situazione persino sui frivoli settimanali ‘femminili’. Loro hanno avuto il coraggio di ribellarsi contro lo sfruttamento mafioso e la compiacenza dei cittadini calabresi. Loro si sono presi pallottole e sprangate. E ora? Sono stati spostati, i capannoni fatiscenti nei quali erano costretti loro malgrado a sopravvivere saranno sanati. Ma se lo sporco lo nascondi sotto il tappeto, non è che casa tua sia pulita.
Ci si schiera contro di loro, che certo hanno più coraggio e più disperazione di noi, dimentic
andoci (non vorrei essere ripetitiva) che pochi decenni fa eravamo al loro posto, e forse non ci siamo comportati altrettanto bene…

Spesso li lasciamo a vivere così

Adesso ci sono le primarie e non si riflette più sullo sfruttamento che gli Italiani fanno del dramma dei clandestini? Il fatto è che quando ci fa comodo, spesso purtroppo, siamo bravissimi a fare come le tre scimmiette.
Italiani popolo di santi, viaggiatori e ipocriti.

Come eravamo noi



Pensa, rifletti, informati by mick78

Se tutti i mezzi d’informazione parlano solo di pochi argomenti;
Se si fa tanto clamore su poche notizie;
Se si polemizza in telegiornali, talk show, carta stampata su uno stesso argomento per giorni e giorni;
Se laddove si dovrebbe informare si preferisce disquisire sulla naturalità o meno delle forme di una nascente soubrette o partecipante a reality;

Fatevi una domanda.
Una domanda apparentemente semplice, ma fondamentale.

Cosa sta succedendo, dietro il colorato tendone del “circo mediatico”?

Non sarà mica che si sta combinando qualcosa di cui è meglio non parlare troppo?
Qualcosa che potrebbe indignare profondamente i cittadini?
Che potrebbe causare un minimo dissenso?
Non sarà che si lavora a decreti ed emendamenti che causeranno disagio ai cittadini?
Che magari ne lederanno la privacy?

Sarà il caso forse di sbirciare dietro quel tendone, per vedere cosa si combina?