m&m


Conclusioni by mick78

Ancora una volta Verona ha scelto l’intolleranza.
Il sospetto verso ciò che non si conosce e la chiusura nei suoi confronti.
I lucchetti e i manganelli.
La città che nel Medioevo apriva le sue porte all’esule Dante oggi chiude tutte le sue porte e cancelli agli esuli contemporanei. A coloro che fuggono dalla violenza,  dalla guerra, dalla povertà, dalle dittature. A quelli che pieni di aspettative per il futuro vengono nel nostro paese in cui la cultura è diventata un fossile da ammirare chiuso in una teca per imparare cose che forse noi non siamo più in grado di insegnare a nessuno.

Se non sono ricchi, nordici o purosangue italici non li vogliamo.
E se sono italiani ma assomigliano a magrebini, giamaicani, portano la coda o se c’è il sospetto che siano comunisti meglio che stiano chiusi in casa, in silenzio.

Le nostre piazze restino vuote.

Le scalinate possono essere sporcate solo dallo spumante stappato dal sindaco.

Indosso la mia maglietta con la scritta Nella Mia Città Nessuno E’ Straniero con orgoglio ma anche con un po’ d’amarezza.

A Verona per il momento vincono la paura, i divieti, il razzismo.

Per il momento.

Annunci


Misciumeret -2 by mick78

…per chi non fosse riuscito a partecipare alla veglia venerdì scorso al Teatro Filippini, ci sarà una replica domenica prossima, 27 gennaio, giornata della memoria, all’Auditorium di Villafranca di Verona, ore 21.00.